Seleziona una pagina

Oggi avremo il piacere di intervistare il Dott. Dario a capo del Dipartimento di Genetica dell’Istituto di Ricerca Scientifica San Francesco di Anguillara Sabazia.  Buongiorno Dott. Dario e grazie per aver accettato questa intervista. Entriamo subito nel merito delle domande. Ci direbbe di cosa ha bisogno una foglia per compiere la fotosintesi e quali sono gli elementi che vengono prodotti durante il processo?

– Dunque, la foglia ha bisogno di diossido di carbonio proveniente dall’aria, e di acqua e sali minerali estratti dal terreno. La sintesi produce ossigeno e glucosio.

Perfetto! Saprebbe darci informazioni sulla riproduzione delle piante?

– D’accordo! Quando una pianta si sviluppa sui suoi fiori crescono degli “stami” che contengono i gameti maschili. Quando essi finiscono sullo stigma dell’altro fiore, vengono assorbiti fino ad arrivare all’ovario dove si trovano i gameti femminili che si fondono con quelli maschili. Ciò determina la modifica genetica (naturale) del seme alla nascita.

– Ci direbbe da cosa è costituito il nucleo di una cellula?

– Beh, facciamo un esempio classico. Il baccello contiene 7 coppie di cromosomi all’interno del nucleo, gli umani ne possiedono 23. Nel cromosoma è presente il DNA che a sua volta contiene il genoma: l’insieme di informazioni ereditarie.

Tutto molto chiaro! Le faccio un’ultima domanda. Come saprebbe relazionare il campo della genetica, come per esempio i cromosomi, i geni, le basi azotate, con le piante e tutto il campo vegetale?

– Esistono gli OGM: organismi geneticamente modificati. Quindi, posso dire che la maggior parte delle scoperte genetiche sono state poi applicate al DNA delle piante per modificarne alcune caratteristiche come crescere più in fretta, creare frutti più zuccherati o resistere al gelo invernale.

Molto bene dott. Dario, ha risposto alle nostre domande con precisione e chiarezza. La saluto e la ringrazio per la sua disponibilità.

Dario | Classe III G